Attraverso "L'avventuriero", il giornale della nostra scuola, la documentazione delle attività dell'anno

Numero 1. Il primo numero dell'anno è quasi interamente dedicato al racconto della convivenza a Ravenna di fine settembre, alla quale ha partecipato tutta la nostra scuola. Ciò avviene tramite il racconto di alcune giornate di lavoro e il commento di alcuni ragazzi sui giorni trascorsi insieme. Infine presentiamo in un articolo le attività opzionali della scuola.

Vai al n. 1 (pag.1)
Vai al n. 1 (pag.2)

Numero 2. Nel secondo numero continua il racconto della convivenza di inizio d'anno, alla luce anche del lavoro di ripresa svolto in classe nelle settimane successive. Abbiamo poi puntato l'attenzione su alcuni fatti recenti: ecco allora un curioso resoconto dell'epidemia di febbre che ha colpito la nostra scuola ed un intervista a Pigi Colognesi, amico giornalista, cui abbiamo chiesto di aiutarci a capire in che modo ci riguarda la polemica sul Crocefisso che ha occupato la pagine della cronaca di tutti i giornali dell'ultimo mese.

Vai al n. 2 (pag.1)
Vai al n. 2 (pag.2)
Vai al n. 2 (pag.3)
Vai al n. 2 (pag.4)

Numero 3. Si è da poco tenuta la Sacra Rappresentazione di Natale, e in questo terzo numero ne abbiamo voluto fare un racconto a più voci: chi vi ha partecipato recitando una parte, chi un'altra, chi cantando nel coro. L'insieme è la cronaca di un gesto che negli anni è sempre più diventato testimonianza a noi, ai nostri genitori, amici, e a tutto il quartiere. Segnaliamo inoltre in questo numero de "L'avventuriero" il racconto di alcuni entusiasmanti lavori svolti con il nostro professore di Scienze motorie, il prof. Fierotti.

Vai al n. 3 (pag.1)
Vai al n. 3 (pag.2)
Vai al n. 3 (pag.3)

Numero 4. Con questo numero abbiamo voluto guidare i nostri lettori in un cammino all'interno della nostra scuola, mostrando tanti possibili modi di far lezione diversi dal solito. Anzitutto abbiamo ripreso in mano alcuni appunti del prof. Pastori per raccontare con un sondaggio la passione di molti di noi per la musica. Vi abbiamo poi raccontato una lezione di storia per fare la quale ci è venuto a trovare Mario Mauro, vicepresidente del Parlamento Europeo. Infine abbiamo voluto riportare l'intervista a Ernesto Brivio, che per anni ha lavorato nella Veneranda Fabbrica del Duomo, perchè l'attenzione e la passione che egli mostra per ogni particolare del nostro Duomo è un invito a guardare con altrettanta simpatia il lavoro che tutti i giorni facciamo a scuola.

Vai al n. 4 (pag.1)
Vai al n. 4 (pag.2) 
Vai al n. 4 (pag.3)
Vai al n. 4 (pag.4)

Numero 5. Dopo il terremoto che ha colpito la popolazione di Haiti la nostra scuola ha voluto mobilitarsi per raccogliere fondi e contribuire al soccorso ai terremotati. E' nata allora l'idea di fare una replica dello spettacolo de "I ragazzi della via Pal", già rappresentato lo scorso giugno. In questo numero vi raccontiamo come è andata.

Vai al n.5 (pag.1)
Vai al n.5 (pag.2)

Numero 6. Nel mese passato i ragazzi di prima e di seconda media sono andati in gita scolastica e in questo numero vogliamo raccontarvi l'esperienza vissuta in quei giorni di convivenza e di lavoro. Altra sorpresa che speriamo possa risultare gradita in questo numero è l'intervista a due delle prime alunne della scuola Mandelli, da poco laureatesi, alle quali abbiamo chiesto di raccontarci come quello che hanno appreso in questa scuola le abbia accompagnate nel loro studio.

Vai al n.6 (pag.1)
Vai al n.6 (pag.2)
Vai al n.6 (pag.3)
Vai al n.6 (pag.4)

 

Open Day 2010

Il giorno 22 maggio 2010 presso la nostra scuola si è svolto l’open day dal titolo “ L’avventura della conoscenza: tutte le cose portano scritto più in là.” In questa occasione è stato possibile ad alunni ed insegnanti documentare il percorso scolastico di un intero anno, mettendo in evidenza che conoscere è un’esperienza coinvolgente e ricca.  Per chi ha visitato la scuola è stato interessante muoversi in aule tematiche che hanno presentato percorsi di lettura, approfondimento e confronto  con testi italiani e stranieri, da Omero a Montale, da Cervantes a Shakespeare e percorsi tecnico-scientifici che hanno spaziato dall’universo di Keplero ai ponti di Calatrava, dalle macchine di Leonardo al cubo di Rubik

Questi i titoli delle aule:
“Io a quello infinito silenzio questa voce vo comparando” percorso di poesia a cura dei ragazzi di terza media
“In viaggio con il piccolo principe” percorso di lettura e scrittura a cura dei ragazzi di prima media
“Dal conte di Roccabruna a Giovannino…..un’avventura per sé” percorso di lettura,  scrittura e recitazione  a cura dei ragazzi di seconda media
“Spanglish: more than a language, más allá de una cultura” a cura dei ragazzi delle tre classi
“Interrogare la natura, scoprire la scienza” percorso ed esperimenti a cura dei ragazzi delle tre classi
“Esplorando lo spazio” percorso di geometria a cura dei ragazzi di terza media
“La matematica è un gioco” a cura dei ragazzi di prima media
“Cantiere Calatrava” a cura dei ragazzi di terza media
“Incontrare Leonardo” a cura dei ragazzi di seconda media

 I ragazzi impegnati e coinvolti nelle spiegazioni ai visitatori hanno saputo mostrare che la scuola diventa  un luogo di crescita quando in essa è possibile accostarsi al significato delle cose.